“Parla con me” con il filologo Professor Roberto Antonelli

ITA: “Parla con me” con il filologo Professor Roberto Antonelli

Quest’anno, in occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, le bambine e i bambini della Scuola Primaria stanno portando avanti, con studi, ricerche ed esperimenti, il progetto “S­­­ulle orme di Leonardo”, ispirato al grande genio rinascimentale.

Stimolati dalla sua preziosa eredità culturale e dalla sua irrefrenabile curiosità, i bambini si sono concentrati sullo studio delle diverse tecniche artistiche che ­­hanno caratterizzato la sua arte, per passare poi a osservare e studiare i fenomeni naturali e l’anatomia del corpo umano che hanno ispirato la creazione delle sue macchine. Sulle orme di questi processi creativi, i bambini sono partiti da interessi e curiosità personali per creare modellini di macchine inventate da loro.

È all’interno di questa cornice che, lunedì 25 marzo, la nostra Scuola ha avuto l’onore e il piacere di ospitare il Professor Roberto Antonelli, grande filologo italiano vice presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, presidente della Fondazione Primoli, della Società Filologica Romana e della Société de Linguistique Romane. Il Professor Antonelli ha accompagnato i bambini in un accurato approfondimento sulla vita e i lavori dello scienziato, artista e inventore toscano.

Punto culminante di questo momento didattico sono state due analisi di ­­diverse opere d’arte.

Il primo confronto ha visto protagoniste tre diverse opere: la “Venere di Cnido” di Prassitele, la “Fornarina” e la “Dama con liocorno” di Raffaello Sanzio. L’osservazione della postura dei soggetti ha permesso ai bambini di coglierne le similitudini, e di capire come gli artisti, anche lo stesso Leonardo, si sono ispirati a opere antiche, imitandole per poi crearne di nuove.

Nel secondo confronto, l’attenzione si è spostata sullo studio delle tecniche impiegate dall’artista. Le opere analizzate sono state due versioni della “Gioconda nuda” attribuite alla bottega di Leonardo (una conservata all’Hermitage di San Pietroburgo e l’altra alla Fondazione Primoli a Roma), e la celebre “Gioconda” conservata al Musée du Louvre a Parigi. Il confronto tra i tre quadri è iniziato analizzando gli sfondi, i quali appaiono disegnati dalla stessa mano. Successivamente i bambini, sotto indicazione dell’ospite, hanno esaminato attentamente i capelli dei tre soggetti, notando la differenza tra le tecniche utilizzate per rappresentarli: il professore ha spiegato loro che il tratto sfumato è quello caratterizzante la mano di Leonardo.

Questo incontro è stato particolarmente prezioso per i bambini, che hanno avuto modo di riflettere sull’eredità artistica italiana, talmente ricca da nutrire ancora oggi la creatività di molti artisti.

ENG: “Talk to me” Project with guest Prof. Roberto Antonelli, Phylologist

Students in the primary school years embark on an adventure of research and discovery of the life and achievements of Leonardo Da Vinci to celebrate the 500th anniversary of his death. The project is named “Following Leonardo’s footsteps”, and is inspired by the works of the brightest mind from the renaissance period.

The boys and girls in grades 1 to 4 started the project by looking at Leonardo Da Vinci’s legacy, his endless curiosity and the different techniques he adopted and that characterized his artwork. They then looked at the way Leonardo Da Vinci studied natural phenomena, human anatomy and how his findings influenced the design of his marvelous machines. In an attempt to imitate Leonardo’s creative genius, students in the primary began a creative process by talking about their interests and curiosities, which then were transformed in designs and prototypes of their very own “machines.”

In this context of research and creativity, the Primary school welcomed Professor Roberto Antonelli, renowned Italian philologist and vice president of the Lincean Academy, president of the Fondazione Primoli, the Roman Philological Society (Società Filologica Romana), and of the Société de Linguistique Romane. Professor Antonelli led the students in an in-depth lecture on the life and works of the Tuscan scientist, artist, and inventor. The climax of this special lesson came when Professor Antonelli analyzed two of Leonardo’s art pieces.

The first analysis that the boys and girls carried out compared three masterpieces: The Venere di Cnido (Aphrodite of Knidos) by Praxiteles, The Fornarina (Portrait of a Young Woman), and The Dama con Liocorno (Young Woman with Unicorn) by Raffaello. The students looked at the posture of the subjects in the paintings, found connections and similitudes amongst the three pieces, thus understanding how artists such as Leonardo were inspired by ancient works and attempted to imitate them to then finally create their versions.

In a second comparative analysis, the children looked closely at the techniques used by Leonardo. The pieces chosen for this study were the Gioconda Nuda (specimens of which are conserved in the Hermitage museum of S. Petersburg and another in the Fondazione Primoli in Rome), and the renowned Gioconda, preserved in the Louvre in Paris. Boys and girls started comparing the three pieces by looking at the backgrounds, which appear to be painted by the same artist. Next, the children were asked by Prof. Antonelli to look closely at the techniques used to paint the hair on the subjects in the three paintings. The Professor explained how the “fading” effect is a particular technique adopted by Leonardo.

This occasion was invaluable for our students who were given the opportunity to reflect on the importance of the artistic heritage of Italy, which to this day is so essential that it influences contemporary artists.

logo